Il Blog di EuYou.info

martedì 30 luglio 2019

Noi stacchiamo per qualche giorno...


Sappiamo bene che molte le notizie importanti e un sacco di "opportunità" - soprattutto quelle cosiddette "aummaumma" - vengono fuori in agosto, ... Ma...C'aggia fa?

Pazienza....

Divertitevi!

venerdì 26 luglio 2019

Finanziamenti per Gemellaggi tra città, Reti di città, Progetti della società civile....

Si tratta dell'invito a presentare progetti per il 2019 del Programma "Europa per i cittadini", il Programma europeo dedicato in modo particolare ai Comuni. Per presentare la vostra candidatura occorre registrarsi al Portale dei partecipanti e ottenere un Participant Identification Code (PIC) richiesto per generare l`eForm (formulario elettronico) e presentare quindi la candidatura online entro la prossima scadenza dell'1 settembre 2019.

giovedì 25 luglio 2019

Concorsi e selezioni di personale nelle Istituzioni dell'UE


Ecco una selezione delle posizioni aperte di questa settimana a cura della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Si ricorda che EuYou terrà prossimamente in Sardegna una mezza giornata di orientamento "LAVORARE CON L'UE E PER L'UE". Per le informazioni sulle varie tipologie di contratti consulta la pagina Lavora per l'UE.

Come governare la convergenza e la competitività? Con la "resilienza", of course!!

The Governing Council
L'attuale Consiglio Direttivo della BCE. Risalta la folta presenza di Donne

La Commissione europea ha proposto un quadro per la gestione ottimale dello "Strumento di Bilancio per la Convergenza e la Competitività". Lo Strumento pretende di aiutare soprattutto gli Stati membri della zona euro ad aumentare la "resilienza" sia delle loro economie che della zona euro. Ovviamente, la "resilienza" interesserà soprattutto le fasce più deboli della popolazione europea,  costrette ad adattarsi all'impatto negativo di interventi economici e finanziari che si trascinano già da troppo tempo e che, laddove falliscono, vengono attribuiti all'UE.

mercoledì 24 luglio 2019

venerdì 19 luglio 2019

Concorsi e selezioni di personale nelle Istituzioni dell'UE


Ecco una selezione delle posizioni aperte di questa settimana a cura della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Si ricorda che EuYou terrà prossimamente in Sardegna una mezza giornata di orientamento "LAVORARE CON L'UE E PER L'UE". Per le informazioni sulle varie tipologie di contratti consulta la pagina Lavora per l'UE.

martedì 16 luglio 2019

Al via il bando "Access City Award 2020" per le Città europee più accessibili

 https://accesscityaward.eu/registration/images/AccessCityAward2020_v1.jpg

Candidate la vostra Città al 10° "Access City Award 2020"! Il 29 novembre 2019 la Commissione Europea premierà i 10 vincitori che, ancora una volta, saranno le città europee che più di altre si sono distinte per il loro eccezionale lavoro nel rendere le loro città più accessibili per le persone con disabilità e gli anziani. 

Ecco i premi:

     1 ° premio: € 150 000
     2 ° premio: € 120 000
     3 ° premio: € 80 000

Possono candidarsi le città di tutta l'UE con oltre 50.000 abitanti. Se un Paese europeo ha meno di due città con così tanti abitanti, due o più città più piccole del paese possono candidarsi insieme come fossero una.   

Le domande devono essere presentate compilando e inviando il modulo di domanda online entro e non oltre l'11 settembre 2019 (fino alle 23:59 ora di Bruxelles).

X SAPERNE D+ 

lunedì 15 luglio 2019

"Più donne nella società e nell'economia europee"

 https://www.eesc.europa.eu/sites/default/files/styles/large/public/images/19_295-1200x628-fbad.png?itok=Yv-aEWEl

 L'emancipazione delle donne e la lotta per l'uguaglianza di genere sono i temi del Premio che, come ogni anno, il Comitato Economico e Sociale dedica alla Società Civile. L'importo complessivo in palio è di 50 000 € da dividere tra cinque vincitori. Il termine per la presentazione delle candidature è il 6 settembre 2019 alle ore 10:00. La cerimonia di premiazione avrà luogo a Bruxelles il 12 dicembre prossimo.

venerdì 12 luglio 2019

Le Note tematiche del PE: tutto sull'Unione europea in modo semplice e sintetico!

 https://www.europarl.europa.eu/erpl-evostrap/ftu/img/banner/banner-home-xxl.png

Le "Note tematiche sull'Unione Europea" sono state create dal Parlamento Europeo nel 1979 in occasione della prima elezione del Parlamento a suffragio diretto. Varie generazioni di europeisti/e, professionisti, politici e amministratori pubblici ce ne siamo serviti e le usiamo per capire e restare aggiornati sul funzionamento dell'Unione Europea. In particolare, le Note - rivolte anche ai "non addetti ai lavori"- spiegano in modo semplice, conciso e accurato, il quadro generale delle istituzioni e delle politiche dell'Unione Europea e, ovviamente, il ruolo svolto dal Parlamento in tale contesto.

Le note tematiche sono raggruppate in cinque capitoli: 

1) il sistema di funzionamento dell'Unione europea; 
2) economia, scienza e qualità della vita; 
3) coesione, crescita e occupazione; 
4) cittadini: diritti fondamentali, sicurezza e giustizia;
5) relazioni esterne dell'UE.
Vengono elaborate dai dipartimenti tematici e dall'Unità Assistenza alla governance economica del PE e sono disponibili in 23 lingue. La versione online è rivista e aggiornata a intervalli regolari nel corso dell'anno, non appena il Parlamento adotta posizioni o politiche di rilievo.

Le commissioni del Parlamento Europeo

Image result for commissione parlamento europeo

I deputati e le deputate del Parlamento Europeo sono suddivisi in 20 commissioni specializzate permanenti. Tali commissioni danno seguito alle proposte legislative attraverso l'approvazione di relazioni, presentano emendamenti da sottoporre all'Aula e nominano i membri delle squadre incaricate di negoziare la legislazione dell'UE con il Consiglio. Inoltre le commissioni approvano relazioni di iniziativa, organizzano audizioni con esperti e vigilano sull'operato degli altri organismi e istituzioni dell'UE.

giovedì 11 luglio 2019

GLI OCCHI SUL PE: recenti Petizioni e Interrogazioni, con le risposte...

Uno dei diritti fondamentali dei cittadini e delle cittadine europee riguarda la possibilità di presentare Petizioni al Parlamento Europeo, sia individualmente che in associazione con altri (ad esempio un Comitato). Inoltre, i parlamentari europei, anche dietro sollecitazione da parte dei cittadini e delle cittadine, possono rivolgere alla Commissione e al Consiglio delle "interrogazioni", sia scritte che orali, pubblicate nella Gazzetta ufficiale UE (con le relative risposte) e nei resoconti del Parlamento europeo.

mercoledì 10 luglio 2019

Concorsi e selezioni di personale nelle istituzioni dell'UE

 

Ecco una selezione delle posizioni aperte di questa settimana a cura della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Si ricorda che EuYou terrà prossimamente in Sardegna una mezza giornata di orientamento "LAVORARE CON L'UE E PER L'UE". Per le informazioni sulle varie tipologie di contratti consulta la pagina Lavora per l'UE.

CORPO EUROPEO DI SOLIDARIETÀ: NUOVO INVITO A PRESENTARE PROPOSTE


L'invito riguarda Gruppi di volontariato in settori ad alta priorità. La scadenza per la presentazione delle domande è il  19.09.2019. Attraverso l'invito, il programma offre finanziamenti per progetti su vasta scala che sostengono le attività di gruppi di volontariato il cui obiettivo è la realizzazione di interventi a breve termine e a impatto elevato in risposta a sfide sociali in settori strategici definiti annualmente a livello dell’UE.

lunedì 8 luglio 2019

FONDI EUROPEI ALLE REGIONI: LA CORTE DEI CONTI INVITA AD UNA MAGGIOR ATTENZIONE ALLA PERFORMANCE

https://www.eca.europa.eu/en/PublishingImages/news/Briefing%20papers/News_briefing_paper_performance_in_cohesion.png

La Politica di Coesione è una delle più importanti politiche dell’Unione Europea e quella che assorbe la maggior parte del bilancio dell'UE, ossia circa un terzo dei 140 miliardi di euro del bilancio annuale per il periodo 2014-2020. Sin dagli anni 80 la Politica di Coesione riguarda soprattutto le Regioni e gli enti locali d'Europa e mira (anche attraverso i mitici “POR”) all'obiettivo ambizioso di ridurre le disparità tuttora esistenti tra le aree “più sviluppate” e “meno sviluppate” dell’UE. Attualmente, le istituzioni dell'UE sono impegnate nella predisposizione delle regole che disciplineranno il futuro periodo di programmazione dal 2020 in poi. Purtroppo occorre evidenziare che tale Politica non ha avuto gli stessi brillanti risultati in tutte le regioni europee. In regioni come la Sardegna, ad esempio, si stenta a comprendere dove siano finiti i quattrini che, ormai da decenni, l'UE riversa nelle casse della Regione e dei ministeri italiani competenti. Ciò a dispetto delle strabilianti performance di spesa che le autorità regionali esibiscono alla fine e durante ogni periodo di Programmazione. La Corte dei Conti Europea lavora già da diverso tempo ad analizzare il problema, in parte dovuto anche alla tendenza dell'UE a concentrarsi sulla conformità della spesa alle norme europee che la disiplinano, trascurando invece il concreto impatto della Programmazione nei nostri territori. Dunque, anche dietro l'impulso della Corte, da qualche tempo l’Unione Europea si sforza di migliorare l’orientamento verso la performance, in modo che i fondi UE producano effetivamente cambiamenti positivi e visibili a vantaggio dei cittadini.

Relazioni annuali sull'applicazione del Diritto dell'UE e l'attuazione del Mercato Unico

 

La Relazione annuale sul controllo dell'applicazione del diritto dell'UE illustra come la Commissione Europea ha monitorato e applicato il diritto dell'UE nel 2018. La Commissione, in quanto "Custode dei Trattati", continua a garantire che le norme dell'UE siano correttamente applicate e rispettate: ad esempio nel 2018 si è mostrata risoluta nel garantire l'applicazione delle norme in vari settori strategici. La Commissione ha sostenuto le autorità nazionali e regionali nell'attuazione di norme sulla qualità dell'aria e dell'acqua e, inoltre, ha preso provvedimenti nei confronti di vari Stati membri che non avevano rispettato gli impegni assunti in termini di attuazione delle norme UE sui codici di prenotazione dei passeggeri, sulla lotta al terrorismo e sull'antiriciclaggio. La Commissione si è inoltre avvalsa dei suoi poteri di esecuzione quando alcuni paesi dell'UE non procedevano con sufficiente celerità a migliorare l'accesso ai siti web e alle applicazioni mobili per le persone con disabilità.

IL NUOVO PARLAMENTO EUROPEO AL LAVORO...

 Fra il 2 e il 4 luglio scorso si è tenuta a Strasburgo la prima Sessione Plenaria della nuova legislatura di questo Parlamento Europeo. I deputati hanno eletto come Presidente David Sassoli, il giornalista fiorentino ben noto come conduttore televisivo e, tra l'altro, vicedirettore del TG1 dal 2006 al 2009. Sassoli venne già eletto al Parlamento europeo nella legislatura 2009-2014 (nelle fila del Partito Democratico) quando svolse il ruolo di capo della delegazione del PD all'interno dell'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici. Rieletto, ha proseguito la sua esperienza come euro-parlamentare nella scorsa legislatura 2014-2019 come vicepresidente del Parlamento europeo.  

David Sassoli è il sedicesimo Presidente del Parlamento Europeo.

Purtroppo, anche durante la Prima Sessione Plenaria del nuovo Parlamento dell'Unione Europea (Premio Nobel per la Pace nel 2012) non è mancata l'inopportuna presenza dei militari.

  E' da sottolineare il fatto che il nuovo Parlamento può vantare la percentuale di donne più alta che mai! I/le deputati/e europei/e eletti/e in 28 Stati membri provengono da 190 partiti politici . In questa Legislatura sono 7 i gruppi politici, tra cui nuovi partiti come “Renew Europe” (nato dal vecchio gruppo ALDE) e "Identità e Democrazia", che succede al gruppo “Europa delle Nazioni e della Libertà”. Il 61% dei/delle deputati/e europei/e è nuovo nella Camera e, tra loro, il più giovane deputato europeo ha solo 21 anni mentre il più anziano ne ha 82. Il Parlamento ha stabilito la composizione di 22 commissioni e sottocommissioni.

Durante la prima Plenaria della nuova legislatura il Parlamento Europeo, dopo la nomina del Presidente che resterà in carica per i prossimi due anni e mezzo, gli/le eurodeputati/e hanno eletto i 14 vice-presidenti e i 5 questori che, col Presidente, compongono l’Ufficio di Presidenza (il cosiddetto “Bureau ). Hanno iniziato a prendere forma le 22 nuove commissioni e sotto-commissioni parlamentari il cui compito fondamentale è quello di adottare le relazioni e consultare esperti su argomenti specializzati in ambiti che vanno dalla politica estera alla pesca e ai diritti delle donne. La loro composizione varia dai/dalle 25 componenti per la commissione Affari giuridici, sino ai 76 membri/e della Commissione Ambiente, salute pubblica e sicurezza alimentare.

Sono quindi stati designati i/le rappresentanti di ciascun gruppo politico (e dei membri non iscritti) nelle varie commissioni parlamentari. Il 4 luglio i/le neo-eletti/e membri/e del Parlamento hanno discusso sui risultati dei recenti vertici UE di giugno e luglio.

EuYou augura a tutte/i BUON LAVORO!

Per ulteriori informazioni 


giovedì 4 luglio 2019

Concorsi e selezioni di personale nelle istituzioni dell'UE

Ecco una selezione delle posizioni aperte di questa settimana a cura della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Si ricorda che EuYou terrà prossimamente in Sardegna una mezza giornata di orientamento "LAVORARE CON L'UE E PER L'UE". Per le informazioni sulle varie tipologie di contratti consulta la pagina Lavora per l'UE.

Ultimi finanziamenti del Programma Orizzonte 2020 in vista del prossimo Programma Orizzonte Europa

horizon2020
copyright: EC

La Commissione europea ha annunciato come spenderà l'ultima e la più cospicua tranche annuale dei finanziamenti di Orizzonte 2020*, il programma dell’UE per la ricerca e l'innovazione, per un ammontare complessivo di 11 miliardi di euro.

lunedì 1 luglio 2019

Al via la Presidenza Finlandese del Consiglio dell'UE

presidenza finlandia consiglio UE logo

Dal 1º luglio al 31 dicembre 2019 sarà la Finlandia a guidare il periodo di Presidenza semestrale del Consiglio dei ministri dell'UE. Il Programma della presidenza finlandese è incentrato su quattro priorità: il rafforzamento dei valori comuni e dello stato di diritto, rendere l’Ue più competitiva e socialmente inclusiva, rafforzare la posizione dell’Ue come leader globale nell’azione per il clima, proteggere la sicurezza dei cittadini.

venerdì 28 giugno 2019

5G, DIRITTO ALLA SALUTE E TUTELA DEI CONSUMATORI: UNA SINTESI DEL QUADRO EUROPEO E INTERNAZIONALE



(di Sergio Diana*)

 
Alle porte della IV Rivoluzione industriale(1).
Intelligenza artificiale, 5G, Blockchain, nuove tecnologie energetiche, le tecniche per la modifica dei geni.....Sono solo alcuni degli elementi che la caratterizzano e che vediamo quotidianamente insinuarsi nelle nostre vite. Che vengano da noi accolti con entusiasmo, con indifferenza o con terrore, che ci piaccia o no si tratta comunque di una Rivoluzione e, quindi, di qualcosa che in ogni caso comporterà vittime innocenti – soprattutto nelle fasce più deboli - e cambierà profondamente le vite nostre e delle generazioni future.
Più o meno tutti/e noi siamo al corrente sia degli enormi progressi che le precedenti Rivoluzioni hanno comportato per l'Umanità, che del terribile impatto che esse hanno avuto, soprattutto sul benessere di milioni di persone che, in tutto il Pianeta, hanno pagato con la propria vita, con la propria salute e con la disperazione il prezzo del “Progresso”. Un'impatto negativo che poteva essere limitato, circoscritto o annullato. Cosa che non è avvenuta. Ma prima era diverso. Prima l'Umanità non aveva mai raggiunto il livello di conoscenze che abbiamo oggi ne, tantomeno, possedeva gli strumenti ed i mezzi che oggi siamo in grado di dispiegare per assicurare il benessere, la prosperità e la felicità delle persone in tutto il Pianeta. affrontando in modo efficace, equo e sostenibile gli inevitabili cambiamenti all'orizzonte. Merito anche dell'Innovazione, della Ricerca e dello Sviluppo Tecnologico che, soprattutto nei Paesi più sviluppati e grazie all'impegno di organizzazioni internazionali come l'Unione Europea (2), ricevono ingenti finanziamenti pubblici sostenuti, non dimentichiamolo, anche con i quattrini di tutti/e noi.
Oggi, dunque, alle soglie della IV Rivoluzione Industriale, tutti/e noi dobbiamo iniziare a considerare seriamente il problema dell'uso, dell'applicazione e, soprattutto, del possibile impatto che le nuove tecnologie hanno o potrebbero avere sulla nostra vita, sul nostro benessere e sul futuro delle nuove generazioni.

giovedì 20 giugno 2019

Quadro di valutazione dell'innovazione 2019 negli stati e nelle regioni dell'UE.




La Commissione Europea ha fornito un quadro della situazione relativa ai livelli di innovazione negli stati membri e nelle loro regioni durante il 2019. I dati dimostrano un miglioramento che dura da quattro anni consecutivi e, per la prima volta in assoluto, i livelli di innovazione in Europa supererebbero quelli degli Stati Uniti. Purtroppo, non altrettanto avviene in rapporto a Giappone, Corea del Sud e Cina, paesi rispetto ai quali l'UE continua a perdere terreno. L'Europa dovrebbe dunque investire maggiormente nelle sue capacità di innovazione. Ciò non solo, come sostiene Bruxelles, al fine di competere sui mercati globali e mantenere e migliorare “lo stile di vita europeo” ma anche e soprattutto aumentando in modo incisivo il contributo suo e degli stati membri ad assicurare e diffondere il benessere e la felicità delle persone, non solo in Europa ma in tutto il Pianeta. Ciò contribuirebbe senz'altro al sorpasso dei principali concorrenti a livello globale.

mercoledì 19 giugno 2019

Piano Energetico Nazionale, la Commissione chiede all'Italia chiarimenti...anche sul gas!

energy_union UE
copyright: EC

La Commissione Europea ha pubblicato la valutazione delle proposte di piani energetici nazionali presentate dagli Stati membri per attuare gli obiettivi dell'Unione dell'Energia e, in particolare, gli obiettivi concordati a livello di UE in materia di energia e clima per il 2030.

La palla passa adesso di nuovo agli Stati membri che dispongono di ulteriori sei mesi per innalzare il livello di ambizione dei propri piani energetici nazionali. Con le sue raccomandazioni e valutazioni dettagliate, la Commissione intende aiutare gli Stati membri a mettere a punto i piani entro fine 2019 e ad attuarli efficacemente negli anni successivi. I piani nazionali dovrebbero offrire chiarezza e prevedibilità alle imprese e al settore finanziario al fine di stimolare gli investimenti privati necessari. Faciliteranno altresì agli Stati membri la programmazione dei finanziamenti nell'ambito del prossimo quadro finanziario pluriennale.

In relazione all'Italia e, in particolare, in merito al settore del GAS, la Commissione chiede al Governo italiano di:

Politica di Coesione: nuovo impulso per la valutazione degli investimenti

cohesion_eval_2019
copyright: EC

Si tratta di incrementare i sistemi di valutazione circa il rendimento degli investimenti della Politica di Coesione europea, al fine di raggiungere migliori risultati nel prossimo bilancio a lungo termine dell'UE. Se ne parlerà domani, 20 giugno 2019 a Bucarest nel corso dell'Ottava Conferenza sulla valutazione della Politica di Coesione, organizzata in vista dell'avvio del bilancio dell'UE per il periodo 2021-2027.

Combattere le disuguaglianze: tema principale delle Giornate Europee dello Sviluppo (18/19 giugno 2019)



Combattere le disuguaglianze: costruire un mondo che non lascia indietro nessuno è il tema principale delle Giornate Europee dello Sviluppo (European Development Days), principale forum mondiale sulla cooperazione allo sviluppo che in questi giorni  vede impegnati oltre 8 000 partecipanti da 140 paesi confrontarsi su questa tematica.

lunedì 17 giugno 2019

Concorsi e selezioni di personale nelle istituzioni dell'UE

Ecco una selezione delle posizioni aperte di questa settimana a cura della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Si ricorda che EuYou terrà prossimamente in Sardegna una mezza giornata di orientamento "LAVORARE CON L'UE E PER L'UE". Per le informazioni sulle varie tipologie di contratti consulta la pagina Lavora per l'UE.

venerdì 14 giugno 2019

EuYou su Radio Brada, aspettando "Free Europe Channel"...

 

Per chi se le fosse perse, ecco le trasmissioni del Programma "L'Europa sei tu!" su Radio Brada e durante la campagna del Parlamento Europeo #stavoltavoto, appena conclusa. 

Restate collegati e non perdetevi la nuova avventura che sta per partire sul "Free Europe Channel", sempre su Radio Brada, naturalmente!

mercoledì 12 giugno 2019

Giornata d'informazione sul Consiglio Europeo per l'Innovazione

La Giornata si tiene a Milano il 28 giugno prossimo ed è organizzata dall'APRE (l'Agenzia per la promozione della ricerca), dalla Commissione europea e dal Ministero dell'Università e della ricerca.

venerdì 7 giugno 2019

La Corte dei Conti Europea avverte: nell’UE si deve utilizzare più energia eolica e solare!

Mentre in regioni europee come la Sardegna si pensa ancora a pericolosi investimenti sulle fonti di energia fossile (gasdotti, carbone, etc..), condannando i territori a dipendere da sistemi superati, inquinanti e con i giorni contati, la Corte dei conti europea, attraverso una nuova relazione, lancia l'allarme: l’UE deve adottare misure significative per produrre più energia elettrica da impianti eolici e solari e conseguire i valori-obiettivo che si è prefissata in termini di energia da fonti rinnovabili.