Il Blog di EuYou.info

venerdì 22 giugno 2018

Appesi a un PIL - Hanging on by a GDP

Qualche giorno fa la Commissione Europea ha diffuso questa nota ed un video dal titolo: New Chapter for Greece (un nuovo capitolo per la Grecia). Nella nota si sostiene che, dopo 8 anni di interventi, la Grecia è sulla via della ripresa. Ritorna la Crescita ed i posti di lavoro stanno aumentando. Questo “miracolo” sarebbe il risultato sia delle riforme nazionali che del sostegno dei partner dell'UE, uniti ai “sacrifici e gli sforzi del popolo greco nell'attuare queste riforme” che avrebbero “prodotto risultati concreti e tangibili” che, “Mentre la disoccupazione rimane elevata”, vantano una “crescita del PIL dal -9,1% nel 2011 all'1,4% nel 2017 e si prevede che cresca di circa il 2% nel 2018 e nel 2019”. La gran parte dell'opinione pubblica, non solo Greca, ha reagito con sdegno e indignazione ai numeri trionfanti di Bruxelles.

La realtà infatti è ben diversa.

Il PIL, purtroppo per qualcuno, è un'unita di misura come tante. In questo caso misura “il valore di mercato aggregato di tutte le merci finite e di tutti i servizi prodotti nei confini di una nazione in un dato periodo di tempo”. Come il Metro non può misurare il silenzio, il rumore, la luce, il buio, così il PIL non può misurare il benessere e la felicità delle persone. Anzi! Se da domani non ci fossero più incidenti stradali, tutti noi saremmo felici, invece il PIL precipiterebbe. Il cancro e, in genere, le malattie fanno aumentare il PIL tanto come l'inquinamento, la corruzione, la delinquenza o la mafia, che vale 150 miliardi del PIL italiano.

Orbene, considerata la situazione di crisi, non solo economica e finanziaria ma soprattutto “di principi e di valori”, sarebbe ora che si iniziasse a pensare di accompagnare il PIL ad altri indicatori come, ad esempio, il Benessere Interno Lordo (BIL) o la Felicità Interna Lorda (FIL), in grado di misurare concretamente il livello di benessere e di felicità delle persone.
Così, giusto per capire se si sta andando nella direzione giusta e qualcuno viene pagatato da noi per lavorare veramente nell'interesse della Gente.
In ogni caso: solidarietà con il Grande Popolo Greco. Nella Storia ha sempre fatto la sua parte e, anche questa volta, ci mostrerà come uscirne.

*******

A few days ago the European Commission released this note and a video entitled: New Chapter for Greece. The note states that, after 8 years of interventions and programs, Greece is on the road to recovery. Growth is back and jobs are increasing... This "miracle" would be the result both of the national reforms as the support of the EU partners and of the "sacrifices and efforts of the Greek people in implementing these reforms" that would "produce concrete and tangible results". Although " unemployment remains high ", Bruxelles boast about a "GDP growth rebounded from -9.1 % in 2011 to 1.4% in 2017 and is projected to grow by around 2% in 2018 and 2019.". But the reality is rather different, and most of the public opinion, not just Greek, has reacted with indignation to those triumphant numbers of Brussels.
Unfortunately, the Gross Domestic Product (GDP) is just a unit of measurement like many others, in this case, "it is a monetary measure of the market value of all final goods and services produced in a period (quarterly or yearly) of time.". As the Inch cannot measure the silence, the noise, the light or the darkness, the GDP cannot measure people's well-being and happiness. On the contrary, let's imagine that from now on there were no more road accidents: we will all be happier, but the GDP would fall. Even cancer and the increase of diseases, as much as pollution, corruption, delinquency and the Mafia (which is worth 150 billion of Italian GDP) play a part in increasing GDP.
Therefore, given the current "crisis" situation it is now the time to start thinking about accompanying GDP to other indicators such as, for example, Gross Domestic Wellbeing or Gross National Happiness, that concretely can measure the level of well-being and happiness of the people and guide policy decisions that could have strong and radical effects on our lives.. Just to understand both if we are going in the right direction and we are paying someone to do the right work in our true interest.
In any case: solidarity with the Great Greek People. In History, they have always done their task and, once again, they will show us how to get out of it.