Il Blog di EuYou.info

martedì 23 ottobre 2018

Mercato unico digitale: un catalogo dei film europei per facilitare l'accesso online

 

Il prototipo di un catalogo dei film europei, azione chiave della strategia Digital4Culture della Commissione Europea è stato recentemente presentato in occasione del Mercato internazionale del film classico di Lione. Il progetto di nuovo catalogo, lanciato in collaborazione con l'Osservatorio europeo dell'audiovisivo del Consiglio d'Europa (organizzazione diversa dall'Unione Europea e con sede a Strasburgo), consentirà a professionisti, enti pubblici e cittadini di accedere a informazioni sui film europei e sulla loro disponibilità online nel circuito del video on demand (VOD) in tutti i paesi dell'Unione europea.

Attualmente, i film europei online rappresentano solo il 25 % circa dell'offerta totale dei servizi VOD nell'UE. Esistono banche dati nazionali, ma non a livello europeo. Eppure, l'Europa è uno dei protagonisti del cinema mondiale, con oltre 18 000 film realizzati tra il 2007 e il 2016 e un aumento del volume totale di produzioni del 47 %: da 1444 lungometraggi nel 2007 a 2124 nel 2016.
Attualmente il catalogo, ancora in fase di prototipo, contiene dati provenienti da 115 servizi VOD e riguardanti 35 000 film europei. Il lancio della versione beta è previsto per la primavera del 2019, mentre quella definitiva sarà disponibile alla fine del prossimo anno. 
Molteplici vantaggi 
Finanziato dal programma MEDIA per il sostegno al settore audiovisivo europeo, questo strumento innovativo sarà messo a disposizione di cittadini, professionisti ed enti pubblici. L'idea di questo catalogo presenta numerosi vantaggi:
  • per i cittadini: una migliore visibilità del cinema europeo in tutta l'UE grazie alla creazione di una vera e propria cineteca virtuale, ricca e variata
  • per gli addetti ai lavori: gli autori ed i produttori sapranno in quali paesi e su quali piattaforme VOD i loro film sono disponibili; i distributori che intendono sfruttare al meglio i propri cataloghi potranno individuare i servizi VOD che propongono opere simili e che potrebbero essere interessati ai loro film; i servizi VOD potranno scoprire quali film europei online su altri territori potrebbero interessare al loro pubblico.
  • per le pubbliche amministrazioni: indicazioni sulla qualità dell'offerta legale di film europei nel mondo digitale; più in particolare, i fondi di sostegno e le agenzie per la promozione cinematografica sapranno se i film che finanziano sono effettivamente disponibili e se di conseguenza si esportano in altri Stati membri. In un secondo tempo, i legislatori troveranno nel catalogo uno strumento che li aiuterà a monitorare l'attuazione della recente revisione della direttiva sui servizi di media audiovisivi, che ha istituito la quota minima del 30 % di film europei al fine di aumentare e migliorare la presenza del cinema europeo online.
Contesto
L'iniziativa è parte della strategia Digital4Culture e dell'Anno europeo 2018 dedicato al patrimonio culturale. La rivoluzione digitale rende possibili forme nuove e innovative di creazione artistica, un accesso più ampio e più democratico alla cultura e al patrimonio culturale e nuove modalità per accedere, consumare e monetizzare i contenuti culturali. Per tenere conto di questi cambiamenti, la strategia Digital4Culture si basa anche sulle proposte che intendono modernizzare le norme sul diritto d'autore e facilitare l'accesso transfrontaliero ai programmi televisivi e radiofonici online, oggetto di negoziati tra il Parlamento europeo e il Consiglio dell'UE e riconducibili alla strategia per il mercato unico digitale.
Il progetto del catalogo europeo è sostenuto dal programma Europa creativa - MEDIA. Da 27 anni a questa parte, il programma MEDIA ha permesso di sviluppare e distribuire oltre 2000 film, documentari, serie televisive e, più di recente, progetti di animazione. La Commissione propone di aumentare il bilancio di MEDIA del 30 %, ovvero di 1,2 miliardi di euro, per il prossimo periodo di bilancio 2021-2027. Nei prossimi anni aumenteranno gli investimenti nella promozione e nella distribuzione di opere e narrative innovative europee, compresa la realtà virtuale, a livello internazionale.
Per ulteriori informazioni