giovedì 4 luglio 2019

Ultimi finanziamenti del Programma Orizzonte 2020 in vista del prossimo Programma Orizzonte Europa

horizon2020
copyright: EC

La Commissione europea ha annunciato come spenderà l'ultima e la più cospicua tranche annuale dei finanziamenti di Orizzonte 2020*, il programma dell’UE per la ricerca e l'innovazione, per un ammontare complessivo di 11 miliardi di euro.

Il piano di bilancio annunciato sarà anche orientato a preparare il terreno per Orizzonte Europa, il prossimo programma quadro per la ricerca e l'innovazione per il periodo 2021-2027, che prevede una novità importante: il Consiglio europeo per l'innovazione, uno sportello unico per il finanziamento dell'innovazione, che mira a trasformare la scienza in nuove imprese e ad accelerare la crescita delle imprese. La fase pilota è già in corso e il Consiglio avrà un bilancio di 1,2 miliardi di euro nel 2020.

In quest'ultimo anno la Commissione si concentrerà su un numero ridotto di tematiche cruciali, quali i cambiamenti climatici, l'energia pulita, la plastica, la cibersicurezza e l'economia digitale, a ulteriore sostegno delle priorità politiche della Commissione.

La Commissione europea evidenzia che Orizzonte 2020 genera nuove conoscenze e tecnologie e ha un forte impatto economico. Per ogni 100 euro investiti nel quadro di Orizzonte 2020, si prevede di aggiungere 850 euro al PIL europeo entro il 2030, creando milioni di posti di lavoro per gli europei. Per questo motivo per il prossimo programma Orizzonte Europa la Commissione propone una dotazione di 100 miliardi di euro, rivolta a rafforzare la competitività, le capacità di innovazione e l'eccellenza scientifica dell'UE.


*Orizzonte 2020, il programma di finanziamento della ricerca e dell'innovazione dell’UE per il periodo 2014-2020, con una dotazione di 77 miliardi di euro, sostiene l'eccellenza scientifica in Europa e ha contribuito ad esempio a scoperte scientifiche di alto livello, come gli esopianeti, ad ottenere le prime immagini di un buco nero e allo sviluppo di vaccini avanzati per malattie come l'Ebola.